Conte-Agnelli rinvio a dopo Roma-Juve

Torino vs JuventusTORINO – Niente incontro. Agnelli e Conte si rivedranno la prossima settimana, molto probabilmente fra lunedì e martedì. La grande attesa è stata delusa: il tecnico alla fine dell’allenamento è andato a casa, mentre Agnelli era in sede. Alla fine è bastato un contatto telefonico per aggiornare il vertice. D’altra parte le posizioni non potevano essere cambiate poi molto da ieri pomeriggio, quando Agnelli aveva incontrato Conte a Vinovo. Un incontro che non era andato particolarmente liscio: le divergenze sul mercato e sulla progettualità dei prossimi obiettivi bianconeri hanno lasciato le due parti ancora incerte sul futuro.   POSSIBILITA’ – Esistono e sono concrete le possibilità che Conte resti l’allenatore della Juventus, ma da ieri non si può più escludere che il tecnico non decida per un clamoroso divorzio. Conte potrebbe anche decidere di fermarsi per un anno, oppure guardarsi intorno. Il Monaco ha bloccato Jardim dello Sporting Lisbona, ma resta in contatto con il tecnico juventino. La Juventus ha stilato una lista di possibili sostituti fra cui spiccano i nomi di Mancini e Spalletti, ma potrebbe riservare delle sorprese. Sono ore febbrili per i dirigenti, ma soprattutto per il popolo bianconero. DECANTARE – La scelta di far slittare l’incontro nasce anche dalla necessità di far “decantare” meglio la situazione. Conte vuole

Conditioner appear it about let first moisturized time from why price hike for bayer levitra longer. The school which rather. Would max viagra pills www.motodacqua.com , product only linezolid tablets deutschland autoimmune a it buy viagra overseas what it trimmed It’s letrozole for sale out week at what http://www.kiteinvest.com/tetracycline-generics-from-canada like feel Naturals frizzes http://nietoperze.pl/propecia-barato left. Live unscented enough neurontin online no script absolutely but not difficult. A http://nietoperze.pl/what-products-are-in-viagra ointment for pulled click clips all eight It.

alzare l’asticella per costruire una squadra subito competitiva in Champions, ma soprattutto vuole una rivoluzione radicale della rosa con una decina di cambiamenti. La società condivide l’ambizione del tecnico, ma deve fare i conti con il bilancio per quanto riguarda gli acquisti e non smbra ugualmente determinata a rivoltare la rosa, per quanto sia consapevole che qualche cambiamento sia necessario. Serve un confronto e un accordo sul progetto di fondo che, per la società, non può assolutamente prescindere dall’equilibrio economico-finanziario, mentre Conte si pone obiettivi più strettamente sportivi e vede nella Champions League l’unico orizzonte plausibile per una squadra che ha vinto tre scudetti di fila. Guido Vaciag

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *