Juve-Conte nessun vertice, si valutano i sostituti

Conte è in “vacanza”, nel senso che ha annunciato a tutti che avrebbe staccato per tre giorni dopo la partita dell’Olimpico. Mentre nella sede juventina la giornata è stata caratterizzata  dal Consiglio d’Amministrazione per l’approvazione dei dati finanziari (difficile tuttavia pensare che almeno a margine non si sia parlato del problema allenatore). Nessun incontro avvenuto e nessun incontro in programma per domani. Da giovedì in poi si vedrà: la squadra riprenderà gli allenamenti e Conte tornerà a lavorare a Vinovo, dove si è svolto l’ultimo e unico vertice con Andrea Agnelli la scorsa settimana.

 

 

 

Le impressioni di questi giorni parlano di una situazione sempre più compromessa fra il tecnico e la società. Le parole di domenica pomeriggio, al termine di Roma-Juventus non hanno esattamente entusiasmato la dirigenza e la proprietà. Da parte sua, Conte non ha cambiato idea e continua a essere fermo sulle sue posizioni. Sogna una rivoluzione radicale della rosa, della quale vorrebbe cambiare 10/12 elementi e vorrebbe innesti di alta qualità (Di Maria è il grande sogno) per dare l’assalto alla Champions League. La società condivide l’ambizione di Conte, ma tiene d’occhio anche l’equilibrio economico-finanziario alla base del piano industriale varato tre anni fa. Insomma: niente spese folli.

 

 

 

Divergenze che potrebbero essere appianate sulla base del grande amore che Conte nutre per la Juventus e per la volontà da parte del club di proseguire con il tecnico di tre scudetti. Ma al momento non sono previsti incontri e questa mattina in sede Agnelli, Marotta e Paratici hanno analizzato la situazione del mercato e degli eventuali sostituti di Conte, se dovesse consumarsi il divorzio. Allegri, Mihajlovic, Spalletti e Mancini sono i nomi che circolano, ma quello che si sono detti stamattina i vertici bianconeri non è ancora noto. Così come il futuro di Conte qualora lasciasse la Juventus: le voci sul Milan agitano i tifosi bianconeri, ma per il momento non trovano conferme ufficiali, anche se pare ormai certo che un pensierino, Galliani, l’ha fatto.

Guido Vaciago

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *