Juve, febbre per la festa: a Torino da tutt’Italia

A2TORINO – Pullman di tifosi in arrivo da tutt’Italia, ma quello più atteso è quello bianconero senza il tettuccio, pronto a sfilare per il centro di Torino domani, dopo Juventus-Cagliari, con a bordo gli eroi dello storico tris. Buffon e compagni porteranno in trionfo i trofei di tutti e tre i tricolori vinti. Magari non si toccheranno i numeri di presenze del primo campionato dell’era Conte, ma a Torino si prospetta un pomeriggio speciale per il popolo juventino. A cambiare, rispetto a 12 mesi fa, sarà il tragitto dei campioni d’Italia. Partenza nel tardo pomeriggio dalla centralissima piazza Castello un paio d’ore dopo Juve-Cagliari (anticipata per l’occasine alle 15) e arrivo in piazza Vittorio, ovviamente raccogliendo calore e applausi lungo via Po. Tutti i tifosi che non saranno sotto la Mole potranno vivere le emozioni attraverso Twitter (@juventusfc, #JuveX3) e in livestreaming sul sito del club. Ma la sfilata sarà soltanto una tappa, la seconda dopo i festeggiamenti dello Juventus Stadium. Euforia che toccherà l’apice con la consegna della Coppa-scudetto e la tradizionale coriandolata. Conte e i suoi ragazzi scenderanno sul prato con tutti i famigliari. La giornata tricolore si concluderà in una nota discoteca di Torino, dove andrà in scena il brindisi più privato.

LE SCELTE Un brindisi che potrebbe risultare ancora più gustoso e storico. Già, contro il Cagliari, Tevez&C scenderanno in campo con un obiettivo chiaro: raggiungere quota 102 punti. Una vetta mai toccata in Italia (già i 99 attuali sono un record, battuti i 97 dell’Inter di Mancini 2006-07). Boccone gustoso sono le tre cifre (per fare 100 basta un pari). A livello europeo è una vetta raggiunta solo da Real Madrid (100), Barcellona (100), Benfica (101) e Celtic (103). Anche per questo Antonio Conte ha in mente di proporre la formazione dei “titolari” stagionali, con un paio di cambiamenti forzati. La squalifica di Giorgio Chiellini per via della prova tv, ad esempio, obbliga l’allenatore a scegliere tra Angelo Ogbonna (sulla carta il sostituto naturale, sul centrosinistra) e Martin Caceres, che tra la fine dell’inverno e la primavera è stato una delle sorprese più positive, con la difesa condizionata dagli infortuni (in testa i problemi di Barzagli). Reparto arretrato completato da Leonardo Bonucci e Barzagli. L’assenza di Arturo Vidal, appena operato e già in Cile per la riabilitazione, lancia poi Claudio Marchisio assieme a Paul Pogba e Andrea Pirlo. Sulle fasce sono in pole Kwadwo Asamoah e Stephan Lichtsteiner. Se in porta toccherà ancora a Marco Storari, in attacco si profila la coppia d’oro Llorente-Tevez. Lo spagnolo ieri ha ribadito il suo amore per la Juve in una videochat a margine dell’evento Jeep al Balocco Prooving Ground: «Mi sento un privilegiato a far parte di un club così». TuttoSport

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *