Calciomercato Juve, Vidal tiene tutti in ansia

TORINO – Spifferi, telefonate e contatti. La “telenovela Vidal” entra nella fase decisiva, quella che segnerà il destino del centrocampista della Juventus. Dopo i colloqui dei giorni scorsi, sia con Allegri sia con la società, il cileno aspetta di confrontarsi a quattr’occhi con il suo procuratore. Fernando Felicevich, sbarcato in Europa a inizio settimana, nelle ultime 48 ore ha fatto base in Inghilterra e da un momento all’altro potrebbe trasferirsi in Italia. Il potente agente argentino sta lavorando senza sosta, preso dal futuro di Medel (diretto dal Cardiff all’Inter) e Vidal. In Inghilterra e Cile puntano sulla fumata bianca Vidal-Manchester United, convinti che alla fine il club di Old Trafford metterà sul piatto cifre da capogiro. Almeno 50 milioni per la Juventus e almeno 8 milioni d’ingaggio per il giocatore. Perché da quanto trapela, lo juventino sarebbe disposto a lasciare Torino – e a digerire una stagione senza Champions – solo (e soltanto) per uno stipendio quasi doppio di quello attuale. Il Manchester United, forte di un portafoglio quasi illimitato, non avrebbe problemi a soddisfare le esigenze di Felicevich. Ma un bonifico del genere di solito richiede determinazione e tempo. Ma in corso Galileo Ferraris non intendono aspettare all’infinito, visto che domenica parte la tournée in Asia e Oceania e Allegri vorrebbe imbarcarsi sul volo per Giacarta con in valigia una certezza sul futuro dell’ex Bayer Leverkusen. Più che un desiderio, un ultimatum. Anche se nel calciomercato tutto è soggetto a cambiamenti.

ACCERCHIATO – Se Marotta aspetta i passi concreti del Manchester United e dribbla i rumors, Vidal è accerchiato dai tifosi juventini, in ansia almeno quanto lui per il tormentone delle ultime settimane. Ogni giorno c’è qualche sostenitore che lo attende davanti all’hotel che ospita il ritiro bianconero. Il cileno non ha perso le buone abitudini, è sempre disponibile per foto e autografi. Più abbottonato sul futuro. Sorride, ma non si sbilancia.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *