Juve, era fatta per Nani ma Van Gaal bloccò tutto I bianconeri avevano in pugno l’esterno ma l’esonero di Moyes e l’arrivo dell’olandese hanno bloccato l’affare

TORINO – Marcos Rojo è il nuovo terzino sinistro del Manchester United, club inglese che ha prelevato

il classe ’90, protagonista al Mondiale brasiliano, dallo Sporting. Nani, esterno offensivo portoghese, ha compiuto il percorso inverso ed è rientrato a Lisbona. Detto che nelle scorse settimane, prima di chiudere per Patrice Evra la Juventus si era messa sulle tracce di Rojo, a fare rumore in ottica bianconera è il passaggio di Nani allo Sporting. Si è sempre scritto che la concorrenza, su Nani, arrivava proprio dal club lusitano, fino a poco tempo fa, tuttavia, in posizione assai defilata rispetto alla Juve. L’AFFARE NANI SFUMATO PER VAN GAAL – Opportuno, a questo punto, spiegare le ragioni che hanno portato al naufragio di una trattativa che era in dirittura d’arrivo. Quando ancora lo United era nelle mani di David Moyes, i dirigenti juventini e il gruppo Pastorello che cura gli interessi dell’ala avevano raggiunto un’intesa per il passaggio di Nani in bianconero. L’ex United, da diverse stagioni un pupillo di Antonio Conte, era a mezzo passo dalla firma con i campioni d’Italia. Lo scenario, a Manchester come a Torino, ha poi subito una rivoluzione. I Red Devils hanno infatti deciso di affidare la conduzione tecnica della squadra a Louis Van Gaal. Il tecnico ha immediatamente bloccato ogni discorso in uscita, chiedendo ai dirigenti di poter valutare tutti gli elementi della rosa prima di lavorare sulle cessioni. Dopo qualche settimana di lavoro l’allenatore olandese ha dato il via libera alla partenza di Nani, ma nel frattempo pure alla Juve tutto era cambiato

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *