Montoya: «Ciao Barça, vado via». Summit e poi la… Juve

TORINO – (e.e.) Il colpo per gennaio si chiama Montoya. E’ la soluzione ideale per la difesa a quattro, potendo giocare sia a sinistra sia a destra. La Juventus ha da tempo sondato l’entourage trovando convergenze di intenti. Va trovato l’accordo con il Barcellona che certo non può chiedere la luna visto che il ragazzo vuole cambiare aria a ogni costo, non trovando spazio, chiuso anche in prospettiva dall’acquisto del brasiliano Douglas. L’agente Juan De Dios Carrasco ribadisce il concetto già espresso negli scorsi giorni: «Quando un giocatore del Barça come Montoya vuole andarsene, non credo che la società si opponga all’addio. Montoya vuole andare via dal Barcellona e chiede che il club sia un signore e che rispetti l’accordo e che lo faccia partire. Vuole giocare, non vuole restare al Barcellona. L’allenatore decide chi gioca, ma se Martin non gioca, allora vuole andarsene. Contano i fatti più delle parole: non intendo discutere di colpe ed altro, la cosa più importante è che Martin vuole andarsene ora. Domani ci sarà un summit con il Barcellona per comunicare una decisione che abbiamo già preso. Lasceremo il club a gennaio, ci sono club interessati. In Inghilterra, Italia, Germania. Non è un problema di Montoya né mio, non è un problema per noi. La decisione è presa, stiamo vedendo com’è la situazione e le decisioni di Luis Enrique». Più chiaro di così si muore. O meglio, si fa la valigia per Torino, ormai provincia di Spagna…

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.